la Rachialgia ovvero il mal di schiena - Ozonoterapia e osteopatia con il dr Vrola a Torino e Orbassano

ozonoterapiatorino.it
rettangolo di scelta per ozonoterapia a torino con Maurizio Vrola
PRENOTATE AL  333 7418946 UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nei nostri studi di TORINO e ORBASSANO
cercate sul nostro sito la parola chiave della patologia
nei nostri studi di TORINO e ORBASSANO
rettangolo di scelta per ozonoterapia a torino
PRENOTATE AL 333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano
Facebook con il dr.Maurizio Vrola
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
dr.Maurizio Vrola chiropratico
Grafica per ozonoterapiatorino
PRENOTATE AL  333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
PRENOTATE AL  333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
Vai ai contenuti

la Rachialgia ovvero il mal di schiena

malattie
riga superiore

ritorna alla pagina precedente
mal di schiena

RACHIALGIE


La colonna vertebrale protegge il midollo spinale; formata da 24 vertebre, distanziate tra loro dai dischi intervertebrali, permette (con l'elasticità dei dischi stessi) di flettere, estendere e ruotare il busto.

Il disco intervertebrale è il "perno" sul quale avvengono tutti i movimenti delle vertebre e dalla correttezza di questi movimenti dipende l'eventuale stato degenerativo dei dischi stessi.Il movimento è guidato dalle faccette articolari posteriori sistemate dietro il corpo di ogni vertebra in numero di due; ogni disco è solidale con la vertebra superiore e inferiore e crea uno spazio dal quale sbucano le 24 paia di nervi periferici.La colonna vertebrale non è rettilinea.

Il tratto cervicale è in "lordosi" così come quello lombare, mentre quello dorsale è in "cifosi": in questo modo la colonna è "molleggiata" e adempie al meglio alle sue funzioni di movimento.
L'attività motoria e sportiva svolta correttamente e con continuità ha molti vantaggi. In particolare: migliora il nutrimento del disco e delle cartilagini vertebrali; riduce la sensibilità ai dolori di schiena; aumenta la tolleranza al dolore; diminuisce le recidive in chi soffre di lombalgia. Ma anche l'atleta può soffrire di dolori vertebrali: posture e/o movimenti non corretti, traumi e microtraumi ripetuti e stress psicologici ne possono essere le cause.

I dolori, soprattutto nell'atleta amatoriale, possono dipendere anche da una scarsa o errata preparazione atletica e/o tecnica. La localizzazione più diffusa del dolore è quella lombare, tratto della colonna sottoposta al maggior carico.
Il rachide, al di là dei problemi che gli sono propri, è il luogo di concentrazione per eccellenza di tutte le aggressioni o disequilibri, qualunque sia la loro provenienza.

 

DEFINIZIONE


Le rachialgie comuni, o aspecifiche, dell'età evolutiva sono i dolori vertebrali in cui non sono identificabili patologie di fondo che ne spieghino l'origine. Negli ultimi anni, infatti, un numero crescente di studi ha dimostrato che il dolore in età evolutiva, sia pure di non elevata intensità, è piuttosto comune, con una prevalenza che varia tra il 30 e il 50%: per i dolori cronici viene riportato il 3-5%.

Tra le possibili cause di rachialgie va evidenziata in particolare la spondilolistesi, uno spostamento sul piano sagittale di una vertebra rispetto alla sottostante. Di solito si tratta di uno spostamento in avanti, essendo molto rari i casi di retroposizione, in particolare nei bambini.

Nel corso della nostra vita potremo avere eventi involutive e reattogeni e nel momento in cui una persona è sempre stata bene, subisce un evento emotivo, traumatico, patologico, stress e può sviluppare momentaneamente una sindrome involutiva.

Nell’arco della giornata noi possiamo avere momenti di reattogenicità e momenti di involuzione e, quindi, presentare minime variazioni di frecce; naturalmente più siamo in condizioni di salute ottimale, meno queste variazioni si vedono.

Effettivamente, poi, quando facciamo le nostre valutazioni le dovremo fare sempre alla stessa ora per evitare o meno quest’oscillazione durante il giorno. Chiaramente non possiamo evitare tutti gli altri eventi che arrivano in conflitto col nostro sistema tonico-posturale, quindi, il resto lo si deve valutare con l’anamnesi.



FATTORI DI RISCHIO IN ETÀ EVOLUTIVA

 L'ETÀ: con il passare degli anni la prevalenza di dolori aumenta, sino a raggiungere quella dell'età adulta tra i 16 e i 20 anni
 IL SESSO: ne soffrono di più le donne
 LA FAMILIARITÀ: fattori genetici, ambientali e/o psicosociali
 UN'ANAMNESI positiva per trauma
 IL FUMO
 STARE SEDUTI A GUARDARE LA TV E STARE SEDUTI IN GENERALE
 FAR FATICA A TRASPORTARE LO ZAINETTO SCOLASTICO E SENTIRLO PESANTE
 L'ARTICOLARITÀ RIDOTTA DELLE ANCHE E DELLE GINOCCHIA E QUELLA DEL RACHIDE ridotta in estensione o aumentata in flessione
 L'ELASTICITÀ MUSCOLARE RIDOTTA DEGLI ISCHIO-CRURALI E DEI QUADRICIPITI
 LA FORZA RIDOTTA DEGLI ADDOMINALI se associata a ridotta elasticità degli ischio-crurali
 LO SPORT competitivo o comunque elevati livelli di attività fisica
 LA DEPRESSIONE E LO STRESS EMOTIVO
 LA POSTURA IN IPERLORDOSI
 LA FORZA: ridotta resistenza in isometrica degli addominali e degli estensori del tronco;
 UN BASSO LIVELLO DI ATTIVITÀ FISICA.

LA NOSTRA PRIVACY
sede di Torino
corso Bernardino Telesio, 20
presso studio Medical Project

sede di ORBASSANO
strada Torino, 10/A
presso studio Medico dr.Vrola

telefono studio 011 386.474
mobile 333 741.89.46

P.IVA 06354320019



 Torino - c.so B.Telesio 20 c/o Medical Project
 Orbassano - str.Torino 10/A c/o studio medico dr.Vrola


LA NOSTRA PRIVACY
Torna ai contenuti