l’Ossigeno-Ozono terapia contro ernia e mal di schiena - Ozonoterapia e osteopatia con il dr Vrola a Torino e Orbassano

ozonoterapiatorino.it
rettangolo di scelta per ozonoterapia a torino con Maurizio Vrola
PRENOTATE AL  333 7418946 UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nei nostri studi di TORINO e ORBASSANO
cercate sul nostro sito la parola chiave della patologia
nei nostri studi di TORINO e ORBASSANO
rettangolo di scelta per ozonoterapia a torino
PRENOTATE AL 333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano
Facebook con il dr.Maurizio Vrola
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
nelle patologie vertebrali come l'ernia del disco, sia a livelli di cervicale che lombare vengono trattate per un riassorbimento dei tessuti fino a una guarigione definitiva
dr.Maurizio Vrola chiropratico
Grafica per ozonoterapiatorino
PRENOTATE AL  333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
PRENOTATE AL  333 7418946
UNA PRIMA VISITA GRATUITA
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
il dott.Vrola visita negli studi di Torino e Orbassano per un primo consulto medico
Vai ai contenuti

l’Ossigeno-Ozono terapia contro ernia e mal di schiena

trattamenti
Ossigeno Ozono Terapia
L'ernia del disco invertebrale si presenta con una con una “fuoriuscita” della porzione posteriore del disco vertebrale che comprime la radice nervosa del livello corrispondente, provocando quindi un dolore acuto o cronico che dalla regione lombare (schiena) si irradia lungo l’arto inferiore
(coscia e/o gamba).

Contro questa sintomatologia dolorosa, l’Ossigeno-Ozono terapia può fare molto, grazie al suo potere antinfiammatorio nei confronti del nervo e alla capacità di legarsi alle molecole di acqua, determinando una forma di “disidratazione” e quindi una riduzione delle dimensioni del “nucleo polposo” espulso, cioè dell’ernia stessa.

 Quindi, con l'applicazione di questo sistema, nella maggior parte dei casi l’ernia del disco non è da operare.
L’applicazione della miscela di Ossigeno-Ozono avviene con la seguente metodica.

L’Ozonoterapia è anzitutto innocua, in quanto è utilizzato Ossigeno e non si possono pertanto verificare allergie. Non vi sono controindicazioni per la sua esecuzione e non vi è nessuna limitazione nelle indicazioni terapeutiche.  Oltre il 90% degli episodi è risolto attraverso tale trattamento (altissima percentuale di guarigione) e le recidive sono molto basse.
Dopo la terapia, non vi è la necessità di acquistare ed utilizzare presidi ortopedici e, poiché il movimento agevola la guarigione, non è richiesto nemmeno il riposo totale, avendo così la possibilità di svolgere normalmente tutte le attività quotidiane

 Vengono effettuate una serie di iniezioni paravertebrali (in genere quattro per seduta), quindi non direttamente nel disco, ma a qualche centimetro di distanza da esso e in profondità nei muscoli che rivestono la colonna vertebrale. In questo caso la terapia può essere effettuata ambulatorialmente e ha una durata media di 12 sedute, che durante il primo mese vengono effettuate con una frequenza bisettimanale e successivamente settimanale.

 L’Ossigeno-Ozono terapia non ha controindicazioni, è una metodica poco invasiva e poco dolorosa che dà buoni risultati nel 90% dei casi.
Numerosi studi scientifici confermano la validità dell’Ossigeno-Ozono terapia soprattutto per l’ernia del disco lombare, anche se più recentemente sono comparse conferme positive anche nel trattamento dell’ernia del disco cervicale. La terapia è indicata anche nel caso di lombalgia cronica, in presenza di semplici “protrusioni” discali, associate o meno a canali vertebrali stenotici, cioè “ristretti” dall’artrosi, e in tutte quelle situazioni non perfette della colonna vertebrale.


L’Ossigeno-Ozono Terapia é una terapia medica utilizzata da tempo per i molti effetti benefici, per l'assenza di effetti collaterali e perchè, agendo nei rispetto dei meccanismi fisiologici dell'organismo, non determina se praticata correttamente, nessuna complicanza nel breve, medio e lungo termine.

Questa terapia si basa su una combinazione di Ossigeno e di Ozono, che è un gas derivato dall'Ossigeno,   che viene erogata nell’organismo, attraverso varie tecniche.  Questi trattamenti su alcune patologie hanno permesso di ottenere dei risultati terapeutici insperati, grazie ad:

·         azione antidolorifica
·         incremento delle difese immunitarie
·         ottimizzazione dell’utilizzo dell’Ossigeno nel sangue con effetto rivitalizzante
·         effetto coadiuvante nella cura della depressione.


L'ozono è un gas?
L’Ozono è un gas formato da tre atomi di Ossigeno generati attraverso il passaggio di una scarica elettrica in Ossigeno. E un energico ossidante e per gli esseri viventi risulta essere un gas altamente velenoso. Tuttavia è un gas essenziale alla vita sulla Terra per via della sua capacità di assorbire la luce ultravioletta; infatti, lo strato di Ozono presente nella stratosfera protegge la Terra dall’azione nociva dei raggi ultravioletti UV-C provenienti dal Sole.
L’uso di un gas a scopo terapeutico rappresenta una condizione del tutto particolare che richiede opportuni apparati e strumentazioni, adeguate conoscenze metodologiche e precise indicazioni terapeutiche.
L’Ossigeno è presente in natura in forma di molecola biatómica. Ciò significa che se immaginiamo un atomo di Ossigeno come una pallina da tennis, l’Ossigeno che respiriamo è costituito da due palline da tennis unite, o meglio, molto vicine.
Quando un ambiente ricco di Ossigeno - ad esempio l’aria - viene sottoposto ad una scarica elettrica - ad esempio un fulmine - le strutture biatomiche di diverse molecole di Ossigeno si rompono per formare una nuova molecola triatomica, costituita da tre atomi di Ossigeno uniti, cioè da tre palline da tennis. La nuova molecola prende il nome di Ozono. L’Ozono è un gas, come l’Ossigeno, ma più pesante perché costituito da tre atomi ed è caratterizzato da un’estrema instabilità. Cosa significa? Significa che, una volta prodotta, la molecola triatomica di Ozono tende rapidamente a rompersi per tornare ad essere una molecola biatómica di Ossigeno - cioè due palline da tennis unite - e un atomo di Ossigeno singoletto, cioè una pallina da tennis solitaria.
L’Ossigeno singoletto presenta una serie di caratteristiche e prerogative che qui, per ora, non approfondiremo. Diremo solo che molti effetti dell’Ozono sono in realtà effetti dell’Ossigeno singoletto, che può essere considerato un "messaggero" dell’Ozono.
Naturalmente anche l’Ossigeno rientra tra gli attori principali dell’Ozonoterapia e svolge un ruolo importante nel determinarne gli effetti terapeutici.

Ma non è tossico?
Contrariamente all’Ozono presente nello smog, l’Ozono utilizzato in medicina è prodotto a partire da Ossigeno medicale puro al 99.6% che viene attraversato da una scarica elettrica. Non è possibile utilizzare l’Ossigeno contenuto nell’aria a causa della compresenza di Azoto e la conseguente possibile formazione di Ossidi di Azoto.
Certamente l’Ozono, proprio per la sua naturale tendenza a rompersi in Ossigeno biatomico e Ossigeno singoletto, risulta tossico per le vie aeree (è uno dei temibili inquinanti che rende difficile la respirazione nelle nostre città) ma ottiene ben diversi risultati terapeutici quando viene somministrato all’interno di tessuti o sostanze dotati di sistemi antiossidanti. Gli antiossidanti hanno la funzione di proteggere dall’azione ossidante dell’Ozono, dell’Ossigeno singoletto e di altre sostanze ossidanti prodotte normalmente durante la nostra vita.
Il nostro organismo, ben allenato a vivere in un ambiente ricco di Ossigeno come l’aria, ha sviluppato una ricchissima dotazione di sostanze antiossidanti diluite in una enorme quantità di acqua. Tutto questo rende possibile quello che in medicina viene definito il "Paradosso Ozono": cioè un gas tossico per le vie aeree diventa terapeutico per altre vie di somministrazione.

Come viene prodotto?
L’Ozono deve essere prodotto poco prima della sua somministrazione attraverso una macchina dotata di un elettrodo in grado di produrre una scarica elettrica appropriata. Infatti, a causa della naturale tendenza a ritrasformasi in Ossigeno biatomico e Ossigeno Singoletto dopo solo 55 minuti il 50% del contenuto di Ozono è ritornato ad essere Ossigeno.
Per questo motivo non è possibile trovare in commercio fiale già pronte di Ozono, proprio perché dopo qualche ora dalla loro preparazione sarebbero ritornate ad essere fiale di Ossigeno!
Come altri farmaci, anche l’Ozono medicale può svolgere la sua azione in diverse concentrazioni che vengono determinate considerando di volta in volta variabili come la temperatura, la pressione, la velocità di flusso del gas. Ciò a causa della natura gassosa e della instabilità dell’Ozono. Tutto ciò impone l’uso di apparati estremamente precisi e dotati di strumenti di misura che monitorano continuamente la concentrazione. Infine, le macchine e gli ambienti dove si svolge l’attività terapeutica dovranno essere dotati di idonei strumenti di abbattimento dell’Ozono prodotto in eccesso per evitare inconvenienti alle vie respiratorie.

Ci sono possibili effetti collaterali?
«Se applicata rispettando semplici regole, non ha alcun effetto collaterale e soprattutto è priva di controindicazioni».
É sempre necessaria comunque una visita medica prima di iniziare la terapia.

Quanto è diffusa oggi questa terapia?
Oggi l’Ossigeno-Ozono terapia è conosciuta e praticata in tutto il mondo. Ogni anno si tengono congressi nazionali e internazionali per il tramite dell’International Ozone Association IOA, in cui vengono illustrati i risultati ottenuti nelle diverse branche della medicina.
In Italia esistono due Società scientifiche che si occupano della ricerca sulle applicazioni cliniche dell’Ozono:
La Società Scientifica di Ossigeno-Ozono Terapia e la Federazione Italiana di Ossigeno-Ozono Terapia.

LA NOSTRA PRIVACY
sede di Torino
corso Bernardino Telesio, 20
presso studio Medical Project

sede di ORBASSANO
strada Torino, 10/A
presso studio Medica dr.Vrola

telefono studio 011 386.474
mobile 333 741.89.46

P.IVA 06354320019



 Torino - c.so B.Telesio 20 c/o Medical Project
 Orbassano - str.Torino 10/A c/o studio medico dr.Vrola


LA NOSTRA PRIVACY
Torna ai contenuti